Le Ocarine

quando chi scrive è un'oca


1 Commento

Risate pomeridiane

Seppur in mancanza di una valida legge elettorale per l’espressione democratica del Paese, tenuto in considerazione il momento di grave difficoltà, la pesante situazione sociale, l’estenuante protrarsi della crisi economica, l’impossibilità di una risoluzione lineare del futuro se non sperando nei Maya,  considerato il presente giorno come festivo, visto il suo cadere a conclusione del nono mese del calendario gregoriano, ben dodici anni dopo l’inizio del secondo millennio e la sua concomitanza con il genetliaco di Renato Fiacchini, noto ai più come Renato Zero, unanimemente ci vediamo concordi nel decretare come migliore, quanto bizzarra, chiave di ricerca della settimana “scegliersi la prima ocarina”:  perché, anche senza decidere per una delle scriventi,  si sa che un’Ocarina è per sempre e che la prima Ocarina non si scorda mai… tutto il resto è noia.

Ci preme sottolineare la nostra diversità rispetto  a “le ocarine di joan mirò”, altra chiave di ricerca settimanale. Se di quelle il/la ricercante non ha avuto fortuna nel suo indagare, inviatiamo il/la medesimo/a a sostare ivi, presso Le Ocarine de Le Ocarine: non ce ne voglia Joan Mirò, ma come sopra, un’Ocarina è per sempre…